59 – (sì ma stai) KARMA

ovvero quando nasce un'idea

Febbraio 2022 nasceva un’idea.

Cugino Fabio, giornalista freelancer e scrittore, cui avevo fatto leggere mesi prima alcuni miei racconti, così mi scrive:

Mi piacciono lebarredicristiano.

A lui piacquero i racconti, a me piacque il nome e cominciarono a nascere idee su come questa “cosa” dovesse essere estesa ad una più larga platea.

Un canale telegram fu il primo che però fallì nell’anonimato ed allora andai su un più popolare gruppo whatsapp tipo quelli del calcetto del giovedì, o delle mamme scuola o della tua classe alle scuole superiori.

10, 20, 40, 50 membri me incluso, senza contare quei fortunatamente pochi che ne uscirono per attestarsi a 45 ma per fare rientro nel nascente meno invasivo gruppo Facebook che oggi (22/02/23) ad un anno dalla nascita ne ha raggiunti 200 me incluso.

Il prof. Maurizio dalla grande cultura mi aiuta a scrivere la Bio.

Riflessioni su una vita ordinaria ben al di dentro del comune.

In ordine sparso, come bagagli smarriti a Fiumicino.

Eccolo là il KARMA, a distanza di un anno venire a reclamare le sue royalties.

Mi piacciono gli aeroporti, mi piace vedere soprattutto la gente che si ricongiunge mentre un po ‘ meno gente che si separa a tempo indeterminato.

Quando ero ragazzo ero sempre in prima fila per andare a FCO a prendere zii e cugini che dal Canada facevano scalo a Roma ogni tot. anni.

O quella volta che i miei rientravano dal loro viaggio in nord america per celebrare i loro 25 anni di matrimonio.

Ne avevo 20 e dintorni, capello lungo arruffato con le mie vertigini, vestiario minimalista tipo uno short jogging ed una canotta sbrindellata e spesso scolorita.

Per coerenza, ancora oggi potreste incontrarmi vestito uguale ma con decisamente meno cuoio capelluto.

Mi fermano le autorità mentre rientro nel terminal col carrello per le valigie dei miei.

Documenti grazie.

Una pura formalità.

L’antiterrorismo in shorts e canotta.

Fco ancora non aveva il PARKING multipiano e nemmeno il Leonardo express.

Si parcheggiava alla bell’e meglio, un po ‘ con atteggiamento tattico per evitare la multa del pizzardone di turno.

Ed all’uscita dopo la dogana mi piaceva guardare le facce dei passeggeri e capire dalle sembianze somatiche, se arrivassero col volo da Singapore piuttosto che da Madrid o Toronto.

Arrivato a 53 anni ho volato abbastanza per poter fare una statistica affidabile su un campione di voli adeguatamente numeroso e poter dire che non mi hanno mai smarrito un bagaglio.

Svariati Roma Londra coi suoi 4 aeroporti come quando in quel maggio 1992 mi feci 2 volte Stansted a prendere i tifosi della Samp per accompagnarli verso la sconfitta di Wembley e verso l’ultima di Vialli in maglia blucerchiata in tenuta da trasferta per l’occasione.

viaggio di nozze tra Colombo e Male via Dubai.

Roma Orlando. Il viaggio in Asia tra Londra, Bangkok, Jakarta, Denpasar, Singapore.

Madrid e Toronto appunto. Bermuda e perché no Cagliari Elmas nelle mie puntatine estive di lavoro a Costa Rei.

Mai un bagaglio o zaino perso.

Ed eccolo il KARMA fare capolino.

Come bagagli smarriti e una, e due, e dieci, cinquantanove barre, vuoi che il karma prima o poi non si materializzi in qlc forma tangibile.

Ecco qua; volo a Malta e valigia di Matteo mancante. Missing!

Dopo una prima riflessione a caldo nella speranza certezza che la valigia fosse comunque a Malta o ci arrivasse il giorno seguente, il mattino dopo ricomincio a ricomporre le tessere del puzzle e riconoscere in tutto ciò il karma, ovvero fco che mi presenta il conto.

Ma è Matteo a farne le spese però.

“prendi me, deposito dei bagagli smarriti senza etichetta di riconoscimento, prendi la mia valigia”

Non si può abbassare la guardia neanche un minuto e taaaac, lui, il karma ti presenta il conto.

La barra 59 è una barra di transizione.

Una barra preparatoria ad una stagione di cambiamenti tra passato, presente ma soprattutto futuro.

Allora sai che c’è caro FCO? Alla fine non mi hai vinto!

C’è che al karma oppongo la mia “carma”.

“All’infermo delle verità io mento col sorriso” cit.

Allora sai che c’è 

C’è che prendo un volo che va…

A quale aeroporto vogliamo fare tappa tra i svariati frequentati.

Bermuda da Momi bergamasco, Auckland da Massimo Anacaprese oppure Orlando Florida,  Colombo e Male in viaggio di nozze con superdany.

Eh ragazzi lettori mi sa che riparte il filone del viaggio e credo che la prossima tappa sarà destinazione Bermuda.

Si si proprio lui quello del triangolo.

Cabin crew ready for take off.

Popolo delle barre, allacciate le cinture e preparatevi al decollo.

Di nuovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *