96 – CARE SORELE CARI FRATELI

ovvero il mio uovo di pasqua

Ieri sera l’altra, io, superdany ed i nostri 2 geni eredi, fratello Fabrizio con la sua super Dani, sorella Cinzia col suo dottor Effe coi loro 2 geni simili ma diversi dai miei e nonno Massimo, abbiamo fatto una Reunion.

Roba che tipo la Reunion dei Beatles, considerato che ne sono morti 2 su 4, susciterebbe meno meraviglia, per quanto tempo è passato dall’ultima volta che abbiamo fatto qualcosa insieme.

La cena è andata bene, scandita da un chitarrista tra i tavoli a dispensare proverbi e canzoni di Califano, all’accettabile obolo di un euro.

Non è fino a fine pasto, caffè, ammazzacaffè e conto pagato, che inizio la distribuzione dei santini delle barre.

E quando tu che leggi, mi dici e scrivi che non è proprio che mi capisci penso: 

bah sarà mica un mio problema?

Ma quando anche tu, tu e anche tu mi dite che non avete capito un caxxo, allora un vago sospetto che il problema è solo mio, inizia a prendere forma.

Poi, se anche fratello e sorella la buttano là, di sottecchi tra una cacio e pepe ed una super al dente carbonara, con me in preda ai fumi di un vinello della casa annaquato ad opera d’arte, dicendo quasi en passant:

“Non sempre ti si capisce proprio bene”

con l’altra a rincarare la dose dicendo:

“Eh io nu o volevo dì…”

Dunque se lo dicono persone, anzi, le uniche persone che mi conoscono da quando sono nato, essendo io il terzo di tre, due domande due è lecito farsele.

La semi verità è che sono un pigro di melma, lo sono sempre stato, ho sempre ambito a raggiungere il massimo risultato col minimo sforzo o meglio il risultato minimo sindacale col medesimo fottutissimo minimo sforzo.

E la scrittura di questi 3 minuti di lettura ne sono la prova provata, vostro onore.

Non riesco ad ampliare un pensiero, non riesco ad argomentare con dovizia di particolari.

Perché?

Semplice, sono ancora un pigro di menta che ha l’ardire di pensare: 

“ma veramente non si capisce?”

Ma allora tutta sta gente veramente sta qua solo per amicizia, perché mi vuole bene?

Come si fa al cane che ti riporta il bastone o il sasso.

“Beeeello luuuuuui che ha scritto la baaaaarraaa.”

Che poi, perché i cani vadano in smodata modalità saziami di coccole appena si va in alluuuungo di vocale, non l’ho mai capito.

Ecco Cristiano, il tuo problema è che non fai capire un azz ai tuoi pazienti lettori.

Che uno dice: “vabbè mo me rilasso un pò e leggo qualche post su facebook.

Mmm er post dee barre de Cristiano…”

E via una botta de pollice opponibile e la barra scorre su.

Adesso ho capito che non è colpa dell’algoritmo. 

Il problema, come ho già avuto modo di dire, è che scrivo in treno, nei 35 minuti di treno che dividono stazione Termini da Colonna Galleria, la mia stazione di discesa dal convoglio che prosegue fino a Frosinone.

Er problema è che scrivo.

Er problema è che i pensieri me scappano e li butto giù de getto, figurati se ho tempo di mette punti, virgole e punti e virgole.

Lo hai scritto 2 volte punti e virgole 

No intendevo…vabbè lasciam perdre

Ecco

Questo intendevo.

M’avete capito no?

Ah no?

Ammazza però che sete!

Vatte a fidà daa amici 

E dei fratelli e sorelle.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *